TOCCANDO IL PIEDE, SI HA LA SENSAZIONE DI AVERE L’INTERO CORPO FRA LE MANI
SOLO ATTRAVERSO IL PIEDE SI PUÒ COSĪ CURARE L’INTERO CORPO
Kann ich die Ausbildung machen?
Kann ich die Ausbildung machen?

Du kannst die Ausbildung machen!

Denn du bist…

See more

CHE COS’È LA RIFLESSOTERAPIA AL PIEDE?

La riflessoterapia al piede (RTP) rappresenta una forma di trattamento manuale derivante da antichi insegnamenti popolari risalenti agli egizi, i cinesi, gli indiani, gli americani e alle radici europee della medicina. Il metodo si è poi consolidato in una terapia precisa ed accurata (Metodo Hanne-Marquardt- Fussreflex®)

 

La riflessoterapia appartiene all’ambito della medicina complementare, che promuove le capacità di auto-guarigione dell’uomo.

 

La RTP non rileva solamente la momentanea sintomatica del paziente ma considera soprattutto i suoi disturbi causali ed induce in questo modo ad una fondamentale rigenerazione dei processi corporali. Si ottiene così un miglioramento generale delle patologie funzionali di organi e tessuti.

 

I piedi vengono considerati come un “microsistema”, che può essere trattato in maniera individuale e nel quale è riflessa l’intera persona (“macrosistema”). In altre parole, l’immagine dell’uomo seduto viene rappresentata nel piede in posizione verticale.

 

In questo modo tutte le funzionalità del nostro corpo vengono trasferite al piede e da lì vengono anche curate. L’effetto di questo metodo attraversa tutto il corpo fino a coinvolgere l’aspetto emozionale della persona.

 

L’azione terapeutica della RTP può essere associata ad tante altre terapie come per esp. la neuralterapia o l’agopuntura.

 

La riflessoterapia del piede viene costantemente aggiornata. Negli ultimi anni sono state definite diverse zone, le forme terapeutiche sono state ulteriormente ottimizzate e soprattutto raffinate. In questo modo il metodo si adegua a quadri clinici sempre piú complessi. Può anche essere impiegato come trattamento singolo nei confronti di pazienti gravi e puó garantire dei buoni risultati.

 

L’efficacia di questo metodo è stata comprovata da diversi studi (Università di Jena, Università di Innsbruck).

COME & DOVE AGISCE LA RIFLESSOTERAPIA??

La RTP si adatta particolarmente ai tempi atttuali:

 

La RTP ha un ampio raggio di indicazione. Attraverso la stimolazione dei piedi con le mani si trasmette il contatto umano e da una sensazione di fiducia.

 

La terapia tende maggiormente a ristabilire la vitalità dell’uomo anziché combattere la malattia.

 

Attraverso la RTP si rilevano, oltre ai momentanei sintomi del paziente anche i suoi disturbi causali ed è per questo che il suo uso risulta particolarmente efficace.

 

Si può iniziare la terapia a qualunque età e non sono necessari supporti tecnici.

 

Con la riflessoterapia al piede abbiamo avuto diversi riscontri positivi per quanto riguarda molti disturbi. Qui di seguito una selezione dei più importanti indicatori:

 

  • disturbi della colonna vertebrale, problemi alle articolazioni

  • tensione muscolare

  • mal di testa

  • disturbi digestivi varie

  • disturbi renali e della vescica

  • dolori addominali, ad es. dolori mestruali o alla prostata

  • elevata vulnerabilità alle infezioni

  • malattie delle vie respiratorie

  • allergie

  • disturbi del sonno

  • assistenza pre e post-gravidanza

  • adatta anche ai bambini

  • stress, burn-out

QUALE CONTRIBUTO PUÒ DARE LA RIFLESSOTERAPIA AI PROFESSIONISIT?

La RTP è consigliabile per ogni terapeuta perché fornisce in poco tempo un’analisi a 360 gradi e quindi un quadro generale per stabilire la terapia ad hoc.

 

La riflessoterapia può facilmente integrarsi ed unirsi ad altri tipi di terapie, rappresentando così il pezzo mancante, il punto di collegamento tra diverse forme di trattamento.

 

Toccando il piede, “si ha in mano l’intero corpo”; si può in questo modo curare e trattare il corpo partendo solamente dal piede.

CHI PUÒ SVOLGERE LA FORMAZIONE?

La Hanne-Marquardt-Fussreflex® viene insegnata ad un livello tecnico elevato per il lavoro terapeutico sui pazienti. Questo richiede una formazione medica di base ed autorizza così la partecipazione delle seguenti categorie di professionisti:

 

  • medici

  • fisioterapisti

  • osteopati
  • laureati in scienze motorie
  • massaggiatori di riconosciuti a livello statale

  • ostetriche

  • infermieri/e

  • psicologi
  • ergoterapeuti

  • logopedisti

  • podologi

  • naturopati